MILANO FASHION WEEK: ANNARITA N PRIMAVERA-ESTATE 2023

Le keyword della Primavera Estate 2023 suonano a ritmo di ottimismo, brillante dinamicità, comfort ed ammaliante dolcezza. È una donna raffinata, sensuale, borghese e chic quella proposta da ANNARITA N, in una collezione che sorprende per le innumerevoli silhouette e colori che abbracciano il corpo con morbidezza e contemporaneità.

La donna ANNARITA N è sicura di sé, si veste di un’energia ipnotica, non rinunciando mai alla vestibilità e al comfort in tutte le occasioni d’uso. Una collezione ricca di modelli particolari, pensati, progettati e tagliati a mano uno ad uno; le stampe sono posizionate in modo strategico per valorizzare al massimo le modellature. Un lavoro di altissimo livello che fa di questi capi pezzi unici ed esclusivi.

Da abiti realizzati in un innovativo tessuto taffetà dalla texture brillante, che mette in risalto il prestigio della sartorialità Made in Italy, ai blazer, capisaldi della collezione, resi iconici da ricchi e delicati dettagli sartoriali. I classici tessuti come il fluido, gli elasticizzati, il lino viscosa dall’aspetto lucido elegante, i cotoni effetto Chanel e le trame con micro nodini donano un effetto “parisienne”. Tornano le applicazioni con preziosi strass, punti di luce che si accostano elegantemente ai light purple, apricot, almond, i colori della collezione, che diverte anche nei volumi “couture” dall’allure anni ‘80/’90 con abiti scultura arricchiti da plissettature e dettagli di lurex brillante.

Quattro i temi principali per la prossima stagione: Provence Dreams dalle delicate stampe floreali, Hypnotic Rose con stampe floreali dai colori ipnotici, Geometric Decò, pattern dall’affascinante stampa decò, e Optical Safari, dove giochi di linee ricordano motivi floreali e animalier nei toni del deserto.

La collezione si completa con una ricca proposta di denim classico blu sviluppato in varie tonalità. Pantaloni, giubbini, camicie arricchite da piccoli castoni e paillette dalle nuance della collezione. Dettagli luminosi, come saranno le sere della prossima estate.

www.annaritan.it

@annaritan_official

Questa voce è stata pubblicata il 22 settembre 2022, in Uncategorized.

“RICCIOLO” Un bar a tutto tondo 

Martedì 6 settembre alle ore 18 Fabio e Davide inaugureranno il loro “RICCIOLO” Un bar a tutto tondo ; dalla colazione del mattino al pranzo, dall’aperitivo
alla cena e dopocena .50 posti a sedere dove ascoltare musica dal vivo nel dehors attrezzato anche per il periodo invernale.
Alle pareti e dietro al bancone svariati strumenti musicali (compreso il pianoforte) che i clienti potranno usare per divertirsi con i loro amici.
Un nuovo modo per passare le serate in allegria nella centrale Largo Quinto Alpini 2 a Milano.
Questa voce è stata pubblicata il 6 settembre 2022, in Uncategorized.

AdriasOnline Connessi per accogliere

Adrias Online | LinkedIn

La Riviera Adriatica che non ti aspetti: nasce il sito per viaggiatori Rivieradibellezza.it

Nuovo web-magazine dedicato al turismo esperienziale della Riviera adriatica.

Francesco Piersimoni e Barbara Canducci, fondatori e titolari di Adrias Online, presentano il nuovo sito rivieradibellezza.it

Un nuovo format editoriale dedicato a chi sceglie di fare della propria vacanza nella riviera adriatica un viaggio con una forte identità esperienziale; RivieradiBellezza.it è un web-magazine nato per fornire spunti, idee e suggerimenti di attività che possono rendere unica, insolita e non banale la permanenza in una delle località marittime più amate dagli italiani. A firmare il progetto è Adrias Online, una delle principali agenzie di marketing e comunicazione italiane verticali dedicate al settore turistico.

Riviera di Bellezza è un prodotto editoriale che guida e consiglia al turista gli itinerari da percorrere per vivere un’autentica esperienza di soggiorno. Il materiale pubblicato è inedito, i testi sono articoli redatti da copy professionisti e le immagini sono scattate da fotografi esperti che hanno viaggiato per i territori e desiderano, con i loro racconti fotografici, far vivere un’idea di vacanza. “Parliamo di bellezza! Noi desideriamo raccontarla con contenuti di qualità, storytelling, materiale visivo che possa generare empatia con i nostri lettori” spiega Barbara Canducci di Adrias Online.

Il nome del progetto nasce da uno studio condotto per conto di Adrias Online da Dubo, agenzia di comunicazione di Rimini. “Grazie a dati e analisi, abbiamo avuto conferma che, di fronte alla complessità dell’offerta di Rimini, della Romagna e della Riviera Adriatica in generale, formata da mare, storia, monumenti, prodotti enogastronomici, natura, borghi, castelli… i turisti la descrivono, semplicemente, con la parola “bella”, un aggettivo presente anche nella toponomastica di alcune zone: Bellariva, Rivabella, Bella Rimini…. Questa parola rappresenta anche il simbolismo della Romagna, da sempre raffigurato da diversi personaggi femminili, pensiamo per esempio al manifesto realizzato nel 1922 da Marcello Dudovich a Manara. Queste le riflessioni che hanno portato all’ideazione del naming del progetto” spiega Andrea Cavallotti, Co-fondatore & Creative Director di Dubo.

“Il web magazine pone l’esperienza al centro di una vacanza: prima le persone s’innamorano di una località e delle sue peculiarità e, in un momento successivo, prenotano in una delle strutture. Da qui il richiamo nel nome alla Riviera che abbraccia Romagna, Marche e Abruzzo proponendo ai turisti idee e suggerimenti per poter vivere pienamente queste destinazioni, mostrando luoghi meno noti, raccontando storie e aneddoti sconosciuti, spiegando tradizioni e abitudini locali e, insieme, suggerendo le diverse esperienze che un luogo ha la possibilità d’offrire, così da rendere la vacanza unica e speciale”.

Le rubriche informative di rivieradibellezza.it

La linea narrativa del portale è orientata a guidare il visitatore attraverso le sezioni “Esplora il territorio”, “Pianifica la vacanza” e “Scopri le attività”.

La prima serve per avere una panoramica delle peculiarità della zona, identificando i maggiori punti di interesse a seconda dei propri gusti: dalla visita alle città storiche ai borghi tipici; dalla scoperta dei peculiari paesaggi naturali alle bellezze del litorale.

La sezione dedicata alla pianificazione consente invece di entrare in contatto diretto con diverse tipologie di strutture ricettive sul territorio che possano soddisfare varie aspettative. Qui l’utente inoltre può trovare indicazioni relative alla logistica degli spostamenti. Infine, il cuore del sito web: la sezione “Scopri le attività” per essere aggiornati sugli eventi, i percorsi insoliti, le curiosità e gli aspetti caratteristici del territorio, per programmare una vacanza personalizzata focalizzate sulle esperienze.

La Riviera Adriatica e i suoi angoli nascosti: non solo movida

Adrias Online è un’agenzia sita in Riviera e ha investito nel progetto consapevole dei tanti aspetti del territorio che non tutti conoscono, rimanendo ancorati alla concezione classica che qui si venga esclusivamente per movida e mare. Tra le esperienze suggerite vi sono i luoghi dove vedere i cinque tramonti più belli o suggerimenti per passare una giornata all’insegna di un turismo slow e dai ritmi lenti e meditativi.

“Alcuni ancora pensano che vi siano solo la spiaggia, la buona tavola e l’ospitalità tipica. Certo, queste sono le fondamenta della nostra storia turistica, ma c’è anche molto altro. Penso al Parco del Mare, a Rimini che è candidata Capitale per la Cultura 2024, ai borghi dei nostri entroterra che sono fra i più premiati con le bandiere Arancioni del Touring Club” spiega Barbara.

Oggi il turismo esperienziale è una realtà. “I souvenir, in un’epoca in cui la personalizzazione è forte e presente per quasi tutte le tipologie di prodotti, sono le emozioni associate a un’esperienza originale, autentica e personalizzata. Se una volta la nostra offerta balneare era sufficiente, ora complice il digitale e le tecnologie, le aspettative sono differenti. Il turismo dei prossimi anni non potrà essere un’eccezione. Sarà importante imparare a diversificare l’offerta”.

Questa voce è stata pubblicata il 29 luglio 2022, in Uncategorized.

Libro: I DELITTI DEL BIANCO

Il cadavere della giovane figlia di un politico genovese in grande ascesa, ritrovato vicino alla Dora a Courmayeur, costringe il commissario Falsopepe, appena promosso,

a svolgere sotto il Monte Bianco un’indagine parallela a quella ufficiale che rischia di compromettere la delicata stabilità del governo in carica. Un caso tra Genova e la celebre località della Val d’Aosta. Il delitto, politico o passionale, è la fotocopia impressionante di un altro omicidio avvenuto nello stesso luogo nel lontano 1953, il celebre “delitto di Entrèves”, che occupò le prime pagine dei quotidiani per un’intera estate. Allora i grandi inviati costrinsero gli investigatori che avevano preso un incredibile granchio a rivoltare le indagini per arrivare, dopo clamorosi errori e feroci polemiche, alla verità. Falsopepe indaga in incognito, aiutato dal figlio. E da un anziano e acuto professore di storia che mescola i casi criminali con le vacanze in Val Ferret, negli stessi giorni del ‘53, di un grande leader politico: il segretario generale del Pci, Palmiro Togliatti alle prese con la passione per la montagna e la Val d’Aosta e i guai politici dovuti alla crisi di governo che segnò la fine di De Gasperi. Togliatti avrà sicuramente letto allora “L’Unità”, organo dei comunisti, uno dei giornali, insieme a “La Stampa” e a “Stampa Sera”, a seguire con maggiore attenzione e preoccupazione i colpi di scena di un caso clamoroso. A quasi settant’anni di distanza, l’Italia è completamente cambiata, eppure le storie si intrecciano e la politica anche… Mario Paternostro col pretesto di una storia gialla in una Italia politicamente immaginaria ma nemmeno troppo, rilegge un fatto che, nell’agosto del 1953, scosse l’Italia e arrivò con le polemiche a toccare la politica nazionale.

Mario Paternostro è nato a Genova dove si è laureato in Giurisprudenza con una tesi di Diritto Romano. Giornalista professionista e scrittore ha cominciato a “Il Lavoro”, lo storico quotidiano socialista, poi è passato a “Il Giornale” diretto da Indro Montanelli e quindi a “Il Secolo XIX” dove è stato capocronista, inviato politico, responsabile delle pagine culturali, caporedattore centrale e vicedirettore. È stato corrispondente dalla Liguria del “Gazzettino di Venezia” e de “Il Messaggero” di Roma. È stato direttore della tv Primocanale dal 2003 al 2013. Ha scritto I Genovesi, Diario di un cronista di provincia, La fine del maniman, Lezioni di Piano, Viaggiatori mangianti e Valigie al dente per l’editore De Ferrari. Le povere sorelle Gallardo e Bésame mucho per Mondadori. Troppe buone ragioni e Il sangue delle rondini per Il Melangolo. Per Fratelli Frilli Editori ha scritto Il Cardinale deve morire, La spia di Cechov e Le ombre di Genova.

Questa voce è stata pubblicata il 27 luglio 2022, in Uncategorized.

Carlsberg Italia continua a ridurre il proprio impatto ambientale

Dal 2015 -38% emissioni di CO2 e -32% consumo di acqua

Secondo i dati dell’ESG Report 2021 di Carlsberg Italia, che monitora e rendiconta le performance di sostenibilità sulla base della strategia del Gruppo “Together Towards ZERO”, l’Azienda si conferma in linea con gli obiettivi intermedi previsti per il 2022 e i target al 2030, consolidando i risultati e avanzando nel raggiungimento di zero emissioni di CO2, zero spreco d’acqua, zero consumo irresponsabile e zero incidenti sul lavoro.
L’impatto ambientale di Carlsberg Italia si riduce progressivamente di anno in anno, grazie ai costanti investimenti nel Birrificio Angelo Poretti a Induno Olona (Va), come l’installazione del Pastorizzatore Flash, che permette di risparmiare energia e acqua e ridurre le emissioni, e l’installazione di un depuratore aziendale indipendente per restituire all’ambiente acqua pulita e sicura. Dal 2015 le emissioni di CO2 sono diminuite del 38%, con un impatto ambientale positivo determinato anche dall’utilizzo del 100% di energia elettrica da fonti rinnovabili. In questo ambito si colloca DraughtMaster, il sistema di spillatura più green sul mercato, con fusti in PET e senza CO2 aggiunta, che consente di ridurre i quantitativi di CO2 immessi in atmosfera: nel 2021 sono stati risparmiati quasi 12 milioni di Kg di CO2. Ottime performance anche nella riduzione del consumo di acqua, dal 2015 -32%, un risultato consolidato e implementato anche grazie al processo di “doppia osmosi” che consente di migliorare ulteriormente la qualità dell’acqua dei processi produttivi, per riutilizzarla nuovamente negli impianti.
Al crescente interesse dei consumatori verso uno stile di vita sano e sostenibile, Carlsberg Italia ha
risposto nel 2021 lanciando la prima birra analcolica del Birrificio Angelo Poretti: la 4 Luppoli Zero.Zero. Il consumo responsabile di alcolici è un pilastro della strategia global di Carlsberg che si declina anche in Italia in azioni di sensibilizzazione e informazione ai consumatori, come i messaggi veicolati sul packaging.
Nel suo percorso di crescita, Carlsberg Italia mette al centro le persone, protagoniste anche del nuovo ESG Report che valorizza i risultati di sostenibilità raggiunti dall’Azienda attraverso i volti e le voci dei team che ogni giorno sono impegnati in azioni concrete. Con 251 dipendenti nel 2021,
Carlsberg Italia è una delle poche Aziende con il 50% del board costituito da donne, quasi il 30% di
donne in azienda e 4 su 10 con incarichi manageriali. Diversità e inclusione rappresentano, infatti,
vantaggi strategici per un ambiente di lavoro creativo e stimolante.
L’attenzione verso le persone parte soprattutto dalla sicurezza sul lavoro dei collaboratori e dei fornitori. Per questo e Carlsberg Italia investe in percorsi formativi per identificare e prevenire i rischi sul lavoro e nel 2021 sono state incrementate le ore dedicate, da 209 nel 2020 a 1088.

Carlsberg Italia
Con oltre un 1.300.000 HL prodotti, Carlsberg Italia è attualmente il terzo produttore nazionale di birra e vanta un portafoglio di marchi, nazionali e internazionali, apprezzati e conosciuti in tutto il mondo, come Birrificio Angelo Poretti, Tuborg, Grimbergen, Carlsberg, Brooklyn Brewery, Kronenbourg 1664. Oltre 250 persone tra dipendenti e agenti lavorano negli uffici di Lainate (MI), nel birrificio di Induno Olona (VA) e su tutto il territorio nazionale. Carlsberg Italia opera direttamente sul canale della Grande Distribuzione / Distribuzione Organizzata e dei Clienti Speciali e, attraverso l’attività svolta da Carlsberg Horeca srl, società controllata al 100% da Carlsberg Italia, sul canale Ho.Re.Ca. (Hotel, Restaurant, Cafè) dove serve sia grossisti indipendenti (IW) sia punti vendita diretti.

Il sistema di spillatura DraughtMaster di Carlsberg Italia
Nel 2011 Carlsberg Italia ha avviato una rivoluzione nel mercato della birra alla spina, sviluppando e lanciando la tecnologia DraughtMaster TM , il nuovo sistema di spillatura che utilizza fusti in PET, al posto dei tradizionali fusti in acciaio, senza CO2 aggiunta. Questa tecnologia garantisce maggiore freschezza del prodotto, perché non necessita di CO2 aggiunta per la spillatura, e consente una durata fino a 1 mese dall’apertura del fusto, riducendo gli sprechi.
DraughtMaster è il perfetto connubio tra innovazione e sostenibilità, perché i fusti in PET sono più leggeri (fino al 43% in più rispetto a quelli d’acciaio), facili da cambiare, poco ingombranti e possono essere direttamente smaltiti nella raccolta differenziata della plastica. Inoltre, ogni 60 litri di birra spillata in fusti DraughtMaster™ (in 3 fusti da 20 litri) non vengono immessi nell’atmosfera 25 kg di CO² pari a quanti ne assorbe un albero in un anno.
L’ultima novità è rappresentata dall’evoluzione digitale di DraughtMaster, che consente il monitoraggio in tempo reale e tramite App del flusso di spillatura e dei consumi, consentendo una pianificazione ottimale del business.

Questa voce è stata pubblicata il 22 luglio 2022, in Uncategorized.

I SANDALI DEICHMANN PER UN’ESTATE IN LIBERTÀ

Le vacanze sono ormai arrivate e nella valigia non possono mancare i sandali, come quelli firmati Deichmann.  Leggeri e dai toni neutri, sono perfetti per essere indossati con abiti impalpabili e sgargianti, tipici della stagione estiva.

Sandali con fasce incrociate e motivi a righe in puro stile marinaretto o in versione passepartout con suola ultra leggera in sughero e dettagli in corda sono perfettamente abbinabili alle straw bags da spiaggia. L’infradito total white con suola chunky, novità della collezione, rimanda ai trend degli anni 2000 e può essere indossata sia con outfit più urbani sia con abiti da mare.

Per le calde serate estive o gli appuntamenti più glam, Deichmann propone un elegante sandalo con tacco bianco, cinturino alla caviglia e fascia cangiante, ideale per la stagione delle cerimonie o in occasione di pool party a bordo piscina.

I modelli della collezione estiva sono in vendita in tutti i negozi DEICHMANN e nell’online store deichmann.com, disponibili nei numeri dal 36 al 41 a partire da 24,99 €.

Questa voce è stata pubblicata il 15 luglio 2022, in Uncategorized.

NEW NORDIC FESTEGGIA IL SUO QUINDICESIMO ANNO IN ITALIA

New Nordic, azienda multinazionale danese, operante in farmacia, nel settore degli integratori alimentari naturali è lieta di festeggiare i suoi primi 15 anni di presenza in Italia.

New Nordic è presente in più di 30 paesi al Mondo; gli integratori New Nordic sono totalmente naturali, prodotti esclusivamente con estratti di erbe, senza aggiunta di conservanti, aromi, zuccheri, sali e lieviti. L’innovazione, la ricerca e lo sviluppo sono costanti, da parte della nostra sede in Danimarca.

La produzione è accurata ed avviene soltanto in Scandinavia. New Nordic usa solamente le proprie semenze e coltiva solo le proprie piantagioni. Controlla rigorosamente tutto il processo produttivo dal seme al prodotto finito avendo una completa tracciabilità di tutta la filiera, fino al luogo ed alla persona che ha coltivato la pianta.

In Italia New Nordic è stata fondata ed è attualmente diretta da Andrea Manicardi, manager di esperienza più che ventennale, nelle principali aziende farmaceutiche. L’azienda, in Italia, grazie ad importanti investimenti pubblicitari, alla qualità e originalità dei suoi prodotti e alla sua relazione con i farmacisti, è riuscita a produrre risultati in costante crescita e ad attestarsi tra le principali realtà, in farmacia, nel settore degli integratori naturali.

Tra i suoi principali prodotti ricordiamo Zuccarin, Blue Berry, Active Liver, Red Oil e numerosi altri.

Questa voce è stata pubblicata il 15 luglio 2022, in Uncategorized.

Aperiluxury

Presentato a teatro7lab-scuola di cucina a Milano in zona Isola il nuovo lusso dell’aperitivo.
Lunedì 11 luglio teatro7lab, sempre protagonista di eventi originali, ha fatto da cornice alla presentazione di una nuova formula: L’Aperiluxury. Ovvero,  i grandi Docg della linea LF Gold Luis Franciacorta abbinati ai Salumi di mare e alle acciughe del cantabrico di Medimer.
Idea innovativa, stuzzicante, e soprattutto buonissima!Il resident chef di teatro7lab, Alessandro De Santis, ha proposto questo stuzzicante menu:
-bresaola di tonno con elisir di sciroppo franciacorta e crescione –
-pesce spada su letto crema ajo blanco
-tonno in porchetta con agro di scalogno al grand marnier e olio
di cannella
-filetti di acciughe del cantabrico con selezione di burro, oli e sali
aromatici
-pacchero ripieno di ragù di tonno
Ad accompagnare queste prelibatezze, focaccia al nero di seppia, gazpacho di pomodori datterini e basilico orientale, olio grand cru misignano, sali aromatici e, chicca finale, il peperone crusco, parte importante della tradizione lucana; quelli presentati a teatro7 sono i “Pepecrusco” di Senise. IGP dal 1996 e davvero una bontà.

Questa voce è stata pubblicata il 14 luglio 2022, in Uncategorized.

LIBRI: LA MORTE VIENE DAL PASSATO

Vincenzo Meleca è uno scrittore che con perizia narrativa spazia dalla ricerca storica, sempre approfondita e documentata, al romanzo. Succede, così, che nei suoi romanzi che sono thriller avvincenti, le conoscenze in campo storico diventino il filo conduttore del racconto e fonte stessa della narrazione.

Anche per l’ultimo suo romanzo, “La morte viene dal passato”, Vincenzo Meleca collega episodi della Seconda Guerra Mondiale a vicende di intrighi internazionali, costruendo, pertanto, un avvincente thriller che cattura l’attenzione del lettore dalla prima all’ultima pagina, sullo sfondo delle Isole Svalbard e di paesaggi insoliti e incontaminati.

Questa voce è stata pubblicata il 13 luglio 2022, in Uncategorized.

Montecarlo, il nuovo ristorante Chez Pierre tra dettagli raffinati e atmosfera retrò

Gestito da Pierre Baldelli, lo spazio è stato progettato dallo studio di architettura
Vudafieri-Saverino Partners che ha creato un luogo unico, tra colori incisivi, rimandi anni
‘60, pareti specchiate e particolari decò
Intimità e raffinatezza descrivono, in un perfetto equilibrio stilistico, il nuovo ristorante
Chez Pierre a Montecarlo guidato da Pierre Baldelli. Una carriera da Maitre D’ da oltre
40 anni iniziata in un bistrot di Parigi e un’esperienza profonda nel mondo della cucina
stellata tra Inghilterra, Francia e Principato di Monaco: Pierre Baldelli apre a Montecarlo il
suo primo ristorante, dove l’Head Chef Stephane Goudé propone una cucina francese e
piatti internazionali.


Situato all’interno del shopping centre Metropole, Chez Pierre è uno spazio avvolgente,
dalle tonalità vibranti, che invita a momenti di emozione. Dal concept alla realizzazione, lo
studio di architettura Vudafieri-Saverino Partners ha ideato un progetto che interpreta la
storia e la passione di Pierre Baldelli, portando gli ospiti in un viaggio tra Montecarlo,
Parigi e Londra, città in cui si è formato.

Chez Pierre è un luogo appartato. Lo spazio conta 50 coperti e 6 sgabelli bar ed è
caratterizzato da un’atmosfera dal fascino retrò: il pavimento a losanghe in marmo bianco e
nero, cifra stilistica tipica degli anni ‘60, imprime un segno grafico incisivo creando un filo
conduttore tra gli arredi, le texture e gli accostamenti preziosi. La tonalità del rosso rubino
intenso, scelta anche per gli sgabelli bar dal tocco vintage di Pedrali, ha un ruolo di spicco
riflettendo la personalità di questa nuova meta gourmet che non vuole passare inosservata.
Il contrasto con il tono neutro del tessuto Alter Ego di Dedar, materico e cangiante, che
riveste i pannelli a parete, rende lo stile degli interni ancora più ricercato. Sperimentazione
e innovazione, linee e forme sinuose, colori accesi e pattern geometrici diventano
portavoce di idee ed emozioni: del racconto di un’esperienza gastronomica memorabile.
Il bancone è il fulcro del ristorante: il vetro righettato rosso retroilluminato e gli inserti
verticali in ottone, enfatizzati sulle curve, ne scandiscono il ritmo, mentre una parete
specchiata occupa il fondo e amplifica lo spazio. Specchi anticati su cui si susseguono
immagini delle città di Parigi, Londra e Montecarlo accompagnano il tessuto sovrastante
che smorza il riflesso dello specchio. Materiali come legno, ottone, vetro e superfici
morbide come il velluto e la pelle, donano un tocco sofisticato alla scenografia
dell’ambiente coniugando forme e superfici con dettagli decò.
A livello di illuminazione, per un gioco tra riflessi e opacità, sono state scelte le lampade a
sospensione bianche e scultoree della collezione Hatton 1 di Original BTC: realizzate in
ceramica Bone China, presentano un rosone sfaccettato e offrono una luce calda e
suggestiva.

Questa voce è stata pubblicata il 13 luglio 2022, in Uncategorized.