Archivi

CLIP 1’03” PER LA GIORNATA MONDIALE DEL TEATRO – oggi, venerdì 27 marzo 2020

venerdì 27 marzo 2020, ricorre la “Giornata Mondiale del Teatro”. Per l’occasione, vista l’attuale emergenza sanitaria, con tutti i teatri del mondo chiusi e le attività sospese, lo staff creativo del Teatro Sistina e della PeepArrow Entertainment ha realizzato questa breve clip 1’03”. Il testo è del regista, autore e produttore Massimo Romeo Piparo, direttore artistico del Teatro Sistina, il Tempio della Commedia musicale italiana. La voce è di Luca Ward.

https://drive.google.com/file/d/1Ma_nc2oGgm-y1ucYBjFtHVJKUQbJJWd6/view?usp=sharing

Non chiediamoci quando si ripartirà.

Non è il momento delle speranze ma della consapevolezza.

Il Teatro è condivisione e bisogna fruirlo stando vicini.

Non è in streaming, non è in hd, non è in 4K.

E’ vero! È vivo! È DAL vivo.

Un teatro si riempie quando il cuore della società batte forte.

Un Teatro lo si sceglie quando l’umore ha il segno più.

Un Teatro non può vivere con la paura di quello che c’è nell’aria.

Quindi non facciamoci domande. Non cerchiamo risposte.

Ascoltiamo il cuore: il nostro batte. Ha rallentato, è vero.

Ma batte sempre e tornerà a battere sempre più forte.

E lo farà grazie a voi. Grazie perché ci aspetterete. Grazie di cuore

Questa voce è stata pubblicata il 27 marzo 2020, in Uncategorized.

Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio – “Rinascer, rinascerai” una canzone per Bergamo

“Rinascerò, rinascerai”, un brano scritto da Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio, ispirato da quanto sta purtroppo accadendo in Italia e dedicato in modo particolare a Bergamo.
La canzone sarà disponibile su tutte le piattaforme musicali da domani, 27 marzo e i proventi saranno interamente devoluti all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

https://panel2.mediasender.it/public/?mq=c35ebe839a8f334c1af6a4bd944a0263

Roby Facchinetti e Stefano D'Orazio nel singolo Rinascerò ...

Una canzone per Bergamo ferita» Roby Facchinetti per l'ospedale ...

Questa voce è stata pubblicata il 26 marzo 2020, in Uncategorized.

Il mondo della comunicazione aperto. Nankurunaisa!

“Nankurunaisa” è una parola giapponese che significa “con il tempo si sistema tutto”.
E Il tempo che abbiamo ritrovato non potendolo usare liberamente, ci ha insegnato nuovi valori, nuove emozioni.
Non smettiamo di pensare, progettiamo sin d’ora il futuro!

Seguiamo le disposizioni, facciamo più possibile smart working, ma continuiamo a raccontare il nostro mondo, a tenere viva l’immagine dell’Italia, delle aziende e dei loro prodotti, inventandoci occasioni e suggerendo tendenze e mood con messaggi leggeri, passando un messaggio positivo.

Per un po’ il futuro sarà così com’è ora, e siccome tutti ci siamo abituati a stare di più a casa, vorremo ambienti più belli, mobili più funzionali, tavole ben apparecchiate, fiori nei vasi. Avremo tutti più voglia di uscire, vestiti bene, eleganti ma con abiti comodi e funzionali, con un tocco in più. Avremo bisogno di viaggiare, vedere città e paesi più familiari e che non abbiamo mai visitato, gustare mari, campagne e monti di questa nostra Italia, mangiando cibi genuini.

Noi ci siamo, le redazioni ci sono, i giornali escono, riviste cartacee e online sono perfettamente attive. Gli editori raddoppiano le pubblicazioni, sono in edicola e gratis sul web.

Ma non smettiamo di pensare, progettiamo sin d’ora il futuro perché “dopo” le cose ricominceranno e non saranno uguali a “prima”.

Il mondo della comunicazione è aperto.

Nankurunaisa, noi ci siamo! #celafaremo

Questa voce è stata pubblicata il 20 marzo 2020, in Uncategorized.

IGIENIZZARE CASA CON LE INNOVATIVE PROPOSTE VILEDA

Igienizzare tutte le superfici, dai pavimenti ai piani top di cucina e bagno, è molto importante sempre ma ancora di più in questo momento di emergenza sanitaria che stiamo vivendo.

Vileda, brand leader nel mercato dei prodotti di pulizia per la casa, offre soluzioni innovative e brevettate che semplificano la vita; prodotti di qualità e all’avanguardia, che rendono più semplice e veloce la pulizia della casa.

Qui di seguito una selezione di prodotti Vileda dalle straordinarie prestazioni che garantiscono le migliori condizioni di benessere e la massima igiene:

Vileda

Vileda Ultra Fresh 2+1 è l’abrasivo dotato di un doppio trattamento antibatterico, presente sia sulla parte in fibra che sulla spugna, che garantisce una doppia azione “protettiva” nei confronti di germi e batteri, ne previene la proliferazione e mantiene il prodotto più igienico, più a lungo. In aggiunta, il trattamento antibatterico previene la formazione di cattivi e fastidiosi odori. Ultra Fresh 2+1 pulisce in profondità, perché la parte fibrosa è garantita dalla qualità Vileda e garantisce una capacità assorbente eccezionale, superiore a quella di un tradizionale abrasivo, in quanto è dotato di una spugna gialla idrofila. Ultra Fresh è disponibile nel super formato convenienza 2+1: 1 spugna su 3 è in omaggio!

ViledaVileda Rainbow sono i nuovi guanti usa&getta multiuso, anallergici e ambidestri. Realizzati in nitrile, non contengono lattice né polveri, e grazie a queste caratteristiche possono essere utilizzati anche da coloro che solitamente soffrono di irritazioni e allergie causate dal lattice. Comodi da indossare e da sfilare, sono ancora più resistenti grazie al polsino più spesso che limita il rischio di strapparsi. Gli usa&getta Vileda Rainbow garantiscono una vestibilità perfetta, assicurando la massima sensibilità e un’ottima presa per tutti gli usi; proteggono le mani dall’azione aggressiva dei detergenti, dalla polvere e dall’acqua calda e sono utilissimi per ogni tipo di lavoro domestico, per praticare hobby e per attività fai da te.
Pratica e compatta, la confezione da 80 pezzi è pensata per essere sempre a portata di mano e l’apertura pretagliata consente di scegliere tra le 4 varianti colore disponibili: verde, giallo, rosa e arancio. Taglie: S/M e M/L.

ViledaVileda Steam XXL Power Pad è la nuova scopa a vapore ideale per pulire e igienizzare in modo rapido ed efficace le superfici. Grazie alla forza disinfettante del vapore e alle eccezionali prestazioni pulenti dello speciale panno in microfibra, elimina il 99,9% dei batteri (testato su batterio E. Coli) pulendo e igienizzando tutti i tipi di pavimento in una sola passata, senza l’uso di detergenti.
L’ampia piastra rettangolare, larga ben 40cm, assicura un maggiore contatto con il pavimento e lo speciale accessorio in dotazione permette di rinfrescare e pulire anche tappeti e moquette. La forza pulente è massimizzata dal nuovo panno Power Pad in 100% microfibra che combina la capacità assorbente garantita dalle fibre bianche con lo straordinario potere pulente delle fibre rosse, leggermente abrasive, che rimuovono anche lo sporco più ostinato, senza danneggiare le superfici.

www.vileda.it

Questa voce è stata pubblicata il 15 marzo 2020, in Uncategorized.

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA RAGAZZA DEL CLUB 27” IN UNA MILANO CHE NON VUOLE FERMARSI Fratelli Frilli Editori

Venerdì 13 marzo, alle ore 18:00, in diretta Facebook

dalla libreria Antigone di Milano, l’autore Mauro Biagini

dialoga con lo scrittore Crocifisso Dentello

Alle ore 18:30 per chi desidera incontrare di persona Mauro Biagini e scambiare due parole con l’autore e avere copia del romanzo autografata, sarà possibile accedere alla libreria in piccoli gruppi in modo che si rispettino le distanze di sicurezza tra le persone.

Con “La ragazza del Club 27” Mauro Biagini, dopo “Il rumeno di Porta Venezia”, torna a dare vita al personaggio della magliaia Delia: un’anziana donna tanto bizzarra quanto buona d’animo, con un innegabile talento per risolvere misteri. Proprio questo lato umano della protagonista, che si muove nei luoghi reali del vivace quartiere milanese di Porta Venezia dove lo stesso autore vive, è la chiave vincente di un thriller che non manca di sorprendere e allo stesso tempo va dritto al cuore e ai sentimenti dei lettori.

Libreria Antigone

Via A. Kramer, 20

Milano

Questa voce è stata pubblicata il 9 marzo 2020, in Uncategorized.

Roberto Cotroneo. Nel teatro dell’arte Milano, Palazzo Reale Appartamento dei Principi 6 – 29 marzo 2020

Apre al Apre al pubblico con ingresso libero dal 6 al 29 marzo 2020, la mostra “Roberto Cotroneo. Nel teatro dell’arte” nell’appartamento dei Principi di Palazzo Reale, curata da Denis Curti e promossa da Comune di Milano|Cultura, Palazzo Reale e organizzata da Civita Mostre e Musei.

Le oltre 50 foto esposte sono il risultato di un lungo lavoro durato cinque anni, dal 2015 al 2019, dello scrittore e saggista Roberto Cotroneo, che da alcuni anni ha affiancato al suo lavoro di scrittura quello della fotografia, osservando e fotografando il pubblico nei suoi movimenti, nelle posture, nelle espressioni, nella capacità di attraversare gli spazi, le soglie, i luoghi. Da questi scatti è nato prima un libro, “Genius loci”, edito da Contrasto.

Sono tanti e importanti i fotografi che hanno scattato immagini nei musei o nelle gallerie d’arte, ma Cotroneo utilizza un approccio assolutamente originale, ribaltando il rapporto tra opera d’arte e visitatore e sommando il tutto in un’intenzione fotografica.

Come nel teatro dell’arte, protagonista della scena è il pubblico, che interagendo con l’opera d’arte, in sostanza “fa”, crea il museo. Il palcoscenico della rappresentazione si sposta quindi dal piedistallo dell’opera allo spazio abitato dal pubblico, senza il quale il museo perde senso e significato. Una rivoluzione copernicana della concezione museale, che classicamente immagina gli spazi espositivi come luoghi perfetti, con un pubblico che guarda le opere.

Le fotografie di Cotroneo invece invitano il visitatore in una sorta di teatro in cui gli attori entrano sul palcoscenico dell’arte: il baricentro si sposta, e avremo un pubblico che osserva un pubblico.

“Queste fotografie di Roberto Cotroneo assomigliano a un lungo abbraccio e l’effetto, è quello di chi è riuscito a definire un contesto, lontano dalla documentazione e a favore delle emozioni. Penso che in questi scatti ci sia una notevole quantità umana. Ci sono armonia e poesia, silenzio e passione, talento e competenza. Roberto, da grande narratore di storie quale è, riesce a mettere in immagine la differenza tra il vedere e il guardare, tra il sentire e l’ascoltare, tra il nutrirsi e il gustare. Il suo, più che un reportage, sembra un esercizio militante dedicato alla resistenza della memoria”, afferma Denis Curti.

“In questo teatro dell’arte su cui ho lavorato per cinque anni, tra il 2015 e il 2019, c’è la storia, ci sono le linee, c’è l’attesa, l’osservazione dei movimenti, spesso c’è lo spazio. Ma è come scommettere contro le opere. Si tratta di riportare al centro, come un evento irripetibile, un visitatore che non si somma agli spazi ma ora cambia le regole: un capovolgimento. L’opera, il capolavoro artistico, è diventata un pubblico che vuole nuovi attori sul palcoscenico del suo teatro. Un paradosso, un capovolgimento, in questo nostro tempo nuovo”, dichiara Roberto Cotroneo.

Questa voce è stata pubblicata il 5 marzo 2020, in Uncategorized.

Viaggio oltre le tenebre.Tutankhamon Real Experience®Milano, Palazzo Reale 5 marzo – 14 giugno 2020

Promossa da Comune di Milano|Cultura, Palazzo Reale, Civita Mostre e Musei e Laboratoriorosso, la mostra Viaggio oltre le tenebre. Tutankhamon RealExperience®a Palazzo Reale a Milano dal 5 marzo al 14 giugno 2020, è un’esperienza coinvolgente e, in parte, immersiva, per raccontare il viaggio “oltre le tenebre” del più famoso dei faraoni e illustrare la concezione dell’aldilà degli antichi egizi, con una selezione di preziosi oggetti originali tra i quali la statua del dio Amon, con i tratti somatici del giovane Tutankhamon. Accanto a reperti significativi sono allestite grandi proiezioni immersive accompagnate da musiche originali e da un coinvolgente percorso narrativo fondato su un solido impianto egittologico che si avvale della consulenza di un prestigioso Comitato Scientifico, presieduto da Miroslav Barta e composto da Zahi Hawass, Christian E. Loeben, Liam McNamara e Gabriele Pieke.

Risultato immagini per Viaggio oltre le tenebre.Tutankhamon Real Experience®Viaggio oltre le tenebre. Tutankhamon RealExperience® affronta il tema del mistero della morte e della vita oltremondana restituendogli la complessità e la pluralità che caratterizzarono la civiltà egizia. Il visitatore si troverà di fronte ad una concezione innovativa di una civiltà di cui si ritiene a torto di conoscere molti aspetti e avrà modo di scoprire quanto il pensiero occidentale le sia debitrice, grazie all’utilizzo di due diversi linguaggi espositivi che raccontano il viaggio oltre le tenebre del faraone e dei suoi sudditi. Dopo un suggestivo video introduttivo, la sezione archeologica, con opere selezionate da Francesco Tiradritti e allestita su progetto di FC Confalonieri descrive le credenze oltremondane degli egizi attraverso gli oggetti ritenuti necessari per la sopravvivenza ultraterrena, concepita come un proseguimento di quella quotidiana. I monumenti e gli oggetti antichi possono essere ammirati per il loro significato storico e artistico, ma anche come testimonianze delle aspettative e dei timori, non troppo dissimili dai nostri, che persone vissute migliaia di anni fa provavano davanti al mistero dell’ignoto.

I reperti che sono esposti provengono soprattutto dalle Collezioni civiche milanesi e dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze. Per la prima volta è riunito il cosiddetto “Corredo Busca”, che comprende la mummia e il sarcofago, conservati nelle Collezioni civiche, e un interessantissimo papiro lungo 7 metri, databile alla XIX-XX dinastia, recuperato poco prima del 1850 dal marchese Carlo Busca nel corso dei suoi scavi e conservato nell’Archivio dell’Ospedale Maggiore di Milano. In mostra sono esposti anche diversi reperti provenienti da collezioni private.

Tra i reperti esposti, è particolarmente importante la splendida statua del dio Amon, con le sembianze del giovane Tutankhamon, concessa in prestito dalla Fondazione Fritz Beherens e dal Museo August Kestner di Hannover. Mirabili sono inoltre le due teste di figurine funerarie attribuibili alla controversa figura del sovrano Akhenaton (1350 -1333 A.C.), padre di Tutankhamon e a cui si deve una riforma religiosa da molti considerata la prima forma di credo monoteista della storia. Sarà visibile inoltre, un raro frammento di rilievo proveniente dalla mastaba di Seshemnefer (VI) Heba (VI Dinastia, regno di Djedkara Isesi; 2388 – 2356 a.C.), a Saqqara. La brillantezza dei colori conservatisi ancora oggi restituisce appieno la magnificenza e il fascino dell’arte austera e delicata del periodo.

Dopo l’esposizione dei reperti antichi, illustrati in un agile catalogo edito da Laboratoriorosso e curato da Francesco Tiradritti, la mostra diventa interamente multimediale, articolata in due diversi ambienti: nel primo, grazie alle straordinarie immagini giunte fino a noi, il visitatore può ripercorrere i tratti distintivi della civiltà che si è affermata per millenni sulle rive del Nilo, partendo da Tebe per poi addentrarsi nella Valle dei Re. È quindi guidato da Howard Carter alla scoperta della tomba di Tutankhamon e del suo straordinario corredo funerario. In un secondo ambiente immersivo sarà lo stesso Tutankhamon a guidare il visitatore nel viaggio attraverso la notte, per conquistare l’immortalità.

L’esperienza multisensoriale è costruita con immagini e animazioni che provengono anche da tombe e oggetti di altre epoche della storia egizia. Il percorso assume di conseguenza un valore assoluto nell’universo dell’Egitto faraonico, rappresentando il viaggio di tutti i predecessori e i successori di Tutankhamon. Il perpetuo attraversamento delle regioni oscure era sentito come un obbligo per il sovrano che sacrificava la propria resurrezione per salire sulla barca solare in modo da consentire all’alba di ripetersi perpetuo giorno dopo giorno. Le dodici ore della notte erano irte di pericoli che potevano essere superati soltanto con l’incarnazione del dio sole Ra con il sovrano dei morti Osiride.

Per favorire la visita di un pubblico internazionale tutto l’audio di mostra, sia nella parte archeologica che nelle sale immersive è in italiano, inglese, francese e tedesco.

Allo stesso tema sviluppato nella parte multimediale della mostra è dedicato uno straordinario volume illustrato, edito da Taschen a cura di Sandro Vannini con la collaborazione di Mohamed Megahed.

Per iniziativa del Comune di Milano|Cultura, Viaggio oltre le tenebre. Tutankhamon RealExperience® è collegata alla importante mostra allestita nel Civico Museo Archeologico di Milano dall’ 11 marzo al 20 dicembre 2020, dal titolo Sotto il cielo di Nut. Egitto divino, che intende illustrare il significato delle immagini divine e la relazione tra l’uomo e il divino, nella vita quotidiana e nell’Aldilà dell’antica civiltà nilotica.

Questa voce è stata pubblicata il 5 marzo 2020, in Uncategorized.