Archivi

Tumore alla prostata, la prevenzione passa da una sit-com: in 5 puntate tratta con ironia e leggerezza l’imbarazzo degli uomini adulti

Sconfiggere i tabù sul cancro alla prostata, così come la mancanza di informazione sulla prevenzione di questa patologia. Nasce per questo la sit-com “Qui pro Quo“, presentata oggi da Europa uomo Italia onlus e Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere) a Milano allo Spazio Gessi. Si svolge in cinque puntate, visibili sul sito prostataquiproquo.it e parla in maniera familiare e ‘pop’ di questa patologia che colpisce migliaia di maschi adulti.

Basti pensare che solo nel 2019 le diagnosi in Italia sono state 37.000. Consapevolezza e prevenzione sono invece le armi per battere sul tempo il cancro della prostata, ed è importante informare adeguatamente gli uomini over 50, le donne compagne di vita e i giovani maschi sull’importanza di superare i pregiudizi e sottoporsi a periodici controlli della prostata, si spiega.

La sit-com è diretta da Alessandro Bardani e Paola Pessot e gode del patrocinio di Fondazione Aiom, Siu – Società italiana di urologia, SiuRO – Società italiana di urologia oncologica, Airo – Associazione italiana radioterapia e oncologia clinica, Auro – Associazione urologi italiana, Ffo – Fondazione per la formazione oncologica e con il contributo incondizionato di Astellas.

La sit-com racconta le vicende di una coppia, interpretata dagli attori Francesco Paolantoni ed Emanuela Rossi. Un sorta di Sandra e Raimondo Vianello che vive gli alti e bassi di una relazione di lunga data. Il tema della prevenzione si inserisce nelle dinamiche di una coppia apparentemente litigiosa, ma nella quale l’affetto sarà la chiave per spingere lui a fare i passi giusti verso la prevenzione attraverso un corretto stile di vita e un rapporto disteso con il medico e gli specialisti. “Volevamo parlare di questi temi in maniera pop– spiega Alessandro Bardani- ma senza abbandonarci alla risata incontrollata. Perché, nonostante l’ironia, lo scopo di questo prodotto è quello di far riflettere sorridendo, senza che lo spettatore si dimentichi del messaggio”.

“E’ importante rivolgersi al proprio urologo o al proprio medico di base a seconda dell’età- continua Presti- per seguire consapevolmente questo percorso di prevenzione, perché avere cura della propria salute in termini di prevenzione può risolvere molti problemi. E spesso nascondere questo problema crea il problema. Quindi invitiamo gli uomini a non aver paura e approcciarsi alla prevenzione con assoluta fiducia, sia verso il proprio medico di base, sia verso la medicina. Noi come Europa Uomo siamo qui per questo”. Le parole di Presti riassumono in parte gli argomenti affrontati questa mattina durante la conferenza stampa di presentazione della web sitcom “Qui Pro Quo”, che si è tenuta a Milano allo Spazio Gessi. Una web serie che mette in scena, attraverso le vicende di una coppia di mezza età, tutte le remore che spesso gli uomini hanno quando si tratta della propria salute urogenitale.

Stigma, imbarazzo e timori legati alla virilità sono gli stereotipi che si propone di superare la campagna promossa da Europa uomo Italia onlus e Onda-Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere e patrocinata da Fondazione Aiom, Siu-Società italiana di urologia, Siuro-Società italiana di urologia oncologica, Airo- Associazione italiana radioterapia e oncologia clinica, Auro- Associazione urologi italiana, Ffo-Fondazione per la formazione oncologica e con il contributo incondizionato di Astellas.

Avendo un dialogo aperto e franco, le donne possono “riuscire a comunicare molto bene al partner di sottoporsi regolarmente a delle visite, avere uno stile di vita sano, soprattutto dopo i cinquant’anni- spiega Francesca Merzagora, presidente di Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

La campagna di sensibilizzazione nei confronti del tumore prostatico passa dunque per una web serie intitolata “Qui Pro Quo”, realizzata con il contributo incondizionato di Astellas e promossa da Europa uomo Italia onlus e Onda-Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere e patrocinata da Fondazione Aiom, Siu-Società italiana di urologia, Siuro-Società italiana di urologia oncologica, Airo-Associazione italiana radioterapia e oncologia clinica, Auro-Associazione urologi italiana, Ffo-Fondazione per la formazione oncologica. Inoltre, spiega Maduri, è importante “mettersi nella prospettiva dei pazienti che convivono con il cancro. Il cancro ti cambia la vita e quindi vogliamo cercare di dare voce a queste persone e anche a tutti coloro che stanno vicino ai pazienti”. Non solo, “vogliamo metterci nella prospettiva anche di tutte le persone sane che, grazie alla prevenzione e alla diagnosi precoce, possono continuare a vivere la propria vita”. La diagnosi precoce è infatti un importante strumento per aumentare le possibilità di guarigione del tumore alla prostata, una patologia che, come è stato messo in luce durante l’incontro di questa mattina, è ancora fonte di grandi tabù e reticenze soprattutto tra gli uomini.

Questa voce è stata pubblicata il 19 novembre 2019, in Uncategorized.

Burger King lancia in Italia Rebel Whopper

Il Rebel Whopper®, il burger di origine vegetale di Burger King®, è arrivato in Italia. Presentato contemporaneamente in 25 paesi europei, il nuovo panino sarà servito in oltre 2.500 ristoranti. Si tratta del più importante e massiccio lancio di prodotto mai fatto nella storia di Burger King®.

Il Rebel Whopper®, che nasce dalla partnership tra Burger King® e l’azienda olandese The Vegetarian Butcher (fondata nel 1996 da Jaap Korteweg, rappresentante della nona generazione di una famiglia di allevatori, e acquisita a fine 2018 da Unilever), consiste in un burger di origine vegetale cotto alla griglia, accompagnato da pomodori e lattuga fresca, maionese, ketchup, cetriolini croccanti e cipolle racchiusi in un morbido pane al sesamo.

Questa voce è stata pubblicata il 19 novembre 2019, in Uncategorized.

Favola di un burattino senza fili. Un musical rivoluzionario con la forza dirompente del primo amore

Dai creatori di Peter Pan Il Musical, produzione originale italiana firmata Show Bees da oltre un milione di un milione di biglietti venduti e vincitore del Premio Gassman e Biglietto d’Oro Agis 2016/2017 e 2017/2018, nasce Pinocchio Reloaded – Favola di un burattino senza fili.

La regia intuitiva e avveniristica porta il nome di Maurizio Colombi, già autore di grandi successi come We will rock you, Rapunzel – Il Musical e La regina di ghiaccio e ideatore con Peter Pan della prima opera musicale tratta da un concept-album.

Pinocchio Reloaded – favola di un burattino senza fili,seconda opera basata su un concept – album, è la rivisitazione surreale e pinteriana del racconto di Collodi, che attraverso la narrazione dei protagonisti, vuole dimostrarci l’esistenza di scelte diverse al fine di vivere una realtà slegata dai fili che la società, per prima, ci impone.

Burattini o burattinai?

Siamo davvero liberi o pensiamo solo di esserlo?

Riusciremmo a vivere senza i fili che inevitabilmente regolano i nostri rapporti interpersonali, oppure abbiamo bisogno dei fili per sentirci a nostro agio nella società?

Un grande inno alla libertà, alla ribellione dalle convenzioni, una favola d’amore e di

musica, quella senza tempo di Edoardo Bennato, che si arricchisce di nuove sfumature contemporanee, dal Rock alla House fino al Rap.

Colonna sonora di questo coinvolgente musical è lo storico concept-album della canzone italiana, “Burattino senza fili”. Nuovi arrangiamenti, un sound completamente fuori dalla tradizione del musical, che va oltre l’album e lo reinventa secondo i canoni della contemporaneità: il viaggio di Pinocchio verso la maturità, la felicità e la sincerità verso sé dà vita a scene postmoderne, capaci di esprimere la sofferenza, la rabbia, l’amore di ciascun personaggio in veri e propri quadri di grande forza e suggestione.

Colonna portante del musical è l’amore: quello tra Pinocchio burattino e Lucignolo, ragazza indomita e libera. Sarà l’amore a tagliare tutti i fili, che farà volare i personaggi di questo spettacolo tra acrobazie vocali e coreografiche che sono una metafora dei sentimenti di ognuno di noi.

Un musical rivoluzionario carico di ribellione evasione adolescenziale con la forza

dirompente del primo amore.

Colonna portante del musical è l’amore: quello tra Pinocchio burattino e Lucignolo, ragazza indomita e libera. Sarà l’amore a tagliare tutti i fili, che farà volare i personaggi di questo spettacolo tra acrobazie vocali e coreografiche che sono una metafora dei sentimenti di ognuno di noi.

Risultato immagini per pinocchio reloaded"

Quando ti alzi e ti senti distrutto, fatti forza e va’ incontro al tuo giorno

Non tornare sui tuoi soliti passi basterebbe un istante.

“Un giorno credi”

Edoardo Bennato

 

Questa voce è stata pubblicata il 18 novembre 2019, in Uncategorized.

Motta compie 100 anni e li ha festeggiati con un evento celebrativo recentemente svoltosi a Milano: un secolo all’insegna di avanguardia e modernità per un’azienda che ha fatto la storia dell’industria dolciaria in Italia

Sono trascorsi infatti 100 anni da quando Angelo Motta ha inventato il pirottino che ha reso il Panettone, quello originale, il dolce che conosciamo e amiamo, alto e soffice; da quel momento è iniziata una storia unica, fatta di prodotti innovativi, scelte di comunicazione d’impatto e grandi successi, che ancora oggi rendono il marchio Motta un vero e proprio classico nelle case degli Italiani.

Proprio per rendere ancora più particolare questo anniversario, è stato realizzato lo speciale volume celebrativo Motta edito da UTET Grandi Opere per i tipi FMR che si avvale di una rigorosa e attenta ricerca contenutistica e iconografica nonché degli scatti effettuati espressamente per questa iniziativa dal fotografo Francesco Piras. I saggi originali di Fabiana Giacomotti, “Motta è Motta è Motta” e “La pubblicità Motta”, ricostruiscono i momenti più importanti di 100 anni intensi e ricchi di vicissitudini insieme ai suoi protagonisti. Non soltanto personaggi noti e artisti che hanno contribuito a rendere iconici i prodotti e la comunicazione del marchio, ma anche coloro che con il proprio lavoro e le proprie intuizioni hanno fattivamente reso possibili i grandi successi Motta: un’edizione speciale del volume, contenente le foto di chi lavora oggi in azienda, è stata infatti data in omaggio a tutti i dipendenti.

Il volume sarà consultabile online sul sito Motta, completamente rinnovato, per permettere a tutti di conoscere da vicino la storia di un’azienda entrata a far parte del patrimonio culturale degli Italiani, e prodotto in due edizioni speciali: una versione brossurata con copertina rigida e una in tiratura limitata e numerata con copertina in seta e un esclusivo cofanetto, entrambe in vendita su Amazon. Un’occasione unica per venire in contatto con una vera e propria eccellenza italiana, anche tramite le immagini storiche che, recuperate per l’occasione, fanno da sfondo al suggestivo racconto della storia del brand.

“La collaborazione con il Gruppo Bauli per celebrare uno dei marchi che ha fatto la storia industriale italiana”, ha dichiarato Marco Castelluzzo, Presidente di UTET Grandi Opere, “è per noi motivo di orgoglio ed è perfettamente in sintonia con il nostro modo di intendere l’editoria. Diversi marchi e linee editoriali con lo stesso obiettivo: far conoscere la bellezza del nostro Paese, la sua grande storia e valorizzare la creatività e l’ingegno produttivo che l’Italia sa esprimere”.

“Le ricerche svolte per realizzare questo volume”, ha dichiarato Fabiana Giacomotti, “mi hanno permesso di entrare in contatto con testimonianze e memorabilia unici, uno spaccato di grande interesse sul costume italiano nel corso di un secolo di storia. Prendere parte all’ideazione e allo sviluppo di un volume di così grande fascino ha rappresentato per me un’attività che ho svolto con grande passione e partecipazione”.

L’evento è stato anche l’occasione per presentare i risultati di una ricerca realizzata da Doxa per Motta, che ha indagato le abitudini alimentari degli Italiani durante le ricorrenze, con un focus particolare sul Natale. “Secondo l’analisi che abbiamo condotto, il panettone è presente sulle tavole dell’83% degli Italiani nel periodo natalizio” ha commentato Daniela Conti, Head of Consumer Goods BU di BvaDoxa. “Tra i dati più rilevanti, inoltre, sottolineiamo che ben il 37% degli intervistati inizia a consumarlo molto tempo prima del 25 dicembre, non appena compare sugli scaffali dei supermercati, a riprova del fatto che si tratta di un prodotto che accompagna i nostri connazionali in tutto il periodo di attesa del Natale”.

 

E quest’anno sugli scaffali spiccherà la nuova grafica celebrativa del Panettone Originale Motta, ispirata alle confezioni storiche: “Abbiamo voluto rendere ancora più speciale questo centenario con un pack particolarmente distintivo, che richiama la storia Motta ma con un’impronta moderna e originale”, ha dichiarato Paolo Isolati, Sales & Marketing Director Gruppo Bauli. “In questi 100 anni Motta ha sempre spiccato per il suo stile all’avanguardia, che dai caroselli agli ultimi spot permette ancora oggi ai nostri consumatori di distinguere tutti i nostri prodotti sul mercato; non solo Panettone, ma anche Buondì, Girella e molti altri: tante anime, ma un solo grande cuore”.

Proprio di cuore e passione ha parlato anche Michele Bauli, Presidente del Gruppo Bauli, attraverso un suggestivo excursus sulla storia e sulle radici comuni che legano tre brand storici quali Bauli, Alemagna e appunto Motta: aziende che hanno contribuito fortemente a costruire l’industria dolciaria e a cambiarne le sorti e che ora, ognuna con la propria identità, fanno parte di un Gruppo leader in Italia nel mercato dei prodotti da ricorrenza. “Motta ha unito gli italiani sotto un comune dolce tradizionale natalizio e per questo ricordo l’orgoglio di tutti noi per aver acquisito, nel 2010, un’azienda che abbiamo sempre guardato con rispetto”, ha commentato Michele Bauli. “Festeggiare oggi i 100 anni di Motta e del Panettone Originale è per noi un modo per condividere con tutti la passione che, ieri come oggi, ci guida nella creazione dei nostri prodotti”.

Una storia di innovazione, dunque, quella di Motta: cent’anni vissuti all’avanguardia, pensando sempre ai gusti degli Italiani e alla loro evoluzione, per diventare un brand POP, vicino ai consumatori e ai loro stili di vita. Una storia che non si ferma, ma guarda al futuro senza dimenticare un passato che ha cambiato le sorti dell’industria dolciaria italiana.

ABOUT MOTTA

Sin dalla sua fondazione nel 1919 a Milano, per iniziativa di Angelo Motta, il brand Motta si distingue per la sua capacità di creare e innovare nel settore dolciario grazie a un patrimonio di conoscenze e competenze tecniche di altissimo livello. Forte del know acquisito, Motta è stato protagonista, negli anni, di innovazioni che sono andate oltre il prodotto, facendo tendenza nella società e nel linguaggio, segnando un cambiamento nello stile di vita. Oggi si propone come brand che fa tendenza nella qualità proponendo risposte mai scontate, ingegnose, sorprendenti adatte alle esigenze dei consumatori.

Questa voce è stata pubblicata il 18 novembre 2019, in Uncategorized.

Graziella&Braccialini rilancio di un brand storico e tanto amato…Oggi 18 novembre partir lo spot del brand in esclusiva italiana sulle reti Mediaset

Graziella Braccialini sceglie per il rilancio del brand tanto amato in tutto il mondo, acquistato dalla famiglia Gori nel 2017, il partner più forte a livello nazionale in termini di comunicazione e advertising. Publitalia80 sarà infatti al fianco del noto brand di gioielli e accessori a partire da oggi, 18 novembre, data storica dell’uscita dello spot interamente realizzato da Publitalia80 e che lo vedrà programmato in esclusiva sui canali Mediaset. Il set dello spot è lo studio di un artista fiorentino che dipinge un prezioso accessorio la cui chiusura a farfalla, leit motiv dello spot, è un gioiello prezioso e raffinato che sembra uscire dallo schermo e regalare allo spettatore l’emozione di un oggetto artigianale dal forte impatto. Il messaggio è molto chiaro “È la creatività del brand Graziella&Braccialini che ti rende unica quando la indossi che la fa da padrone in queste immagini dal forte profumo made in Italy. Il dna fiorentino traspare in ogni immagine così come l’eleganza di ogni fotogramma racconta una storia di passione” afferma il presidente del gruppo Graziella Holding, Gianni Gori. Ci sono voluti due anni di preparazione e di studio della strategia di comunicazione per arrivare ad un momento tanto importante da parte del gruppo: “Abbiamo raccolto un pool di esperti di comunicazione che hanno lavorato fianco a fianco con noi nel rilancio del brand e abbiamo deciso di legarci in questa operazione tanto importante per noi con il partner più forte a livello nazionale. Publitalia 80 infatti ci ha supportato e ci ha aiutati a realizzare la creatività che esprimesse al meglio la nostra filosofia di comunicazione. Da oggi saremo on air e siamo davvero soddisfatti dei risultati ottenuti che siamo certi supporteranno fortemente il messaggio che arriverà in maniera adeguata al nostro consumatore finale in Italia, ma anche all’estero. Desidero dunque ringraziare tutto il team di lavoro che con grande professionalità ed esperienza ci ha affiancato in questa bella avventura e che crede in noi” afferma emozionato Gianni Gori.

Questa voce è stata pubblicata il 18 novembre 2019, in Uncategorized.

#UnboringTheFuture “UNBORING NIGHT” @CASA PEUGEOT UNA SERATA SPECIALE CON GLI AMICI DELLA “CASA” PER FESTEGGIARE L’ELETTRIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ

Nella serata di ieri, nella splendida cornice di Casa Peugeot presso lo Swiss Corner di Via Palestro, nel pieno centro di Milano, la Casa del Leone ha dato il via all’elettrificazione della mobilità organizzando la “UNBORING NIGHT”, uno special event sotto il segno dell’#UnboringTheFuture. Il Direttore Generale del Brand PEUGEOT Salvatore INTERNULLO e lo Special Guest Alfonso SIGNORINI, hanno coinvolto alcune delle celebrities più in vista nel panorama italiano, tra cui Benedetta Mazza, Filippo Bisciglia, Giovanni Ciacci, Jane Alexander, Pamela Camassa, Raffaello Tonon, Silvia Grilli, Stefano Sala e altri numerosi ospiti. Una scelta, quella di PEUGEOT, di coinvolgere le nuove generazioni con un progetto orientato a sensibilizzarli nei confronti dell’ambiente e sulle opportunità date dalla mobilità elettrificata, proponendo una moderna soluzione che non scenda a compromessi e che faciliti la loro attivazione nei confronti dell’eco-sostenibilità.

Oggi la tecnologia disponibile permette infatti di coniugare il piacere di guida con il massimo rispetto dell’ambiente, senza dover per forza scendere a compromessi di alcun tipo in fatto di design, caratteristiche tecniche e di comfort. Le nuove generazioni sono sicuramente quelle più aperte al cambiamento e la tecnologia è per loro un elemento della vita quotidiana, un qualcosa che rappresenta un vero e proprio drive della vita di tutti i giorni. PEUGEOT, con Nuova e-208 interpreta questa nuova esigenza di mobilità, con un insieme di tecnologie anche per la connettività e di servizi in linea con le loro esigenze di spostamento vissute con l’aggiunta di una superiore esperienza di guida. Un’occasione per celebrare anche il legame tra Casa PEUGEOT e Casa del Grande Fratello Vip. L’abitacolo spettacolare di Nuova PEUGEOT e-208, 100% elettrica e primo esempio concreto della transizione energetica della Casa del Leone, nel pomeriggio di ieri ha ospitato il casting per la selezione del personaggio NIP che proprio a bordo di questa vettura, entrerà per una sera all’interno della Casa GF Vip.

PEUGEOT: Una guida stimolante e valorizzante, un design elegante, una qualità senza compromessi costituiscono l’impegno del Marchio con i suoi clienti e contribuiscono all’emozione offerta da ogni PEUGEOT. PEUGEOT associa ovunque Esigenza, Fascino ed Emozione con l’ambizione di essere un marchio generalista alto di gamma a vocazione mondiale. Presente in quasi 160 paesi con più di 10 000 punti vendita, nel 2018 PEUGEOT ha venduto più di 1.740.000 veicoli.

Questa voce è stata pubblicata il 15 novembre 2019, in Uncategorized.

#THEKITCHENISTHEPLACE PARTE LA NUOVA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE DIGITALE DI SNAIDERO

PER FAR VIVERE L’ESPERIENZA SNAIDERO A 360° CON

UNA CAMPAGNA ADVERTISING AD HOC, NUOVI STRUMENTI DI VENDITA,

UNA APP DEDICATA E UN INNOVATIVO MODELLO DI RELAZIONE DIGITALE CON

IL CLIENTE CHE DIVENTA BRAND AMBASSADOR DEL MARCHIO SNAIDERO

Il Gruppo Snaidero, azienda che da oltre 70 anni progetta e realizza cucine con una personalità unica e un grado di innovazione esclusiva nei materiali e nel design, lancia la nuova campagna di comunicazione digitale del brand Snaidero, incentrata sul claim #TheKitchenIsThePlace.

L’obiettivo della campagna è quello di sviluppare una strategia di comunicazione che vada oltre il prodotto e possa essere per il consumatore finale “un’esperienza” basata su tutto quello che rappresenta la cucina nella vita di una persona. L’esperienza di un viaggio in una realtà virtuale che unisce il prodotto fisico al digitale, attraverso la APP Snaidero, il mini-sito https://thekitchenistheplace.snaidero.com/, il nuovo catalogo interattivo e una campagna digitale che coinvolge i canali Instagram e Facebook.

La nuova strategia di comunicazione del brand Snaidero è unica ed immersiva per fidelizzare il cliente e suscitare in lui la voglia di scoprire qualcosa di più del marchio e dei prodotti Snaidero. I canali social diventano lo strumento chiave per intercettare il pubblico nella fase di ricerca o scoperta delle cucine Snaidero che in tutto il mondo sono diventate sinonimo di eccellenza, perché da sempre capaci di avere un’identità e un carattere proprio, in dialogo continuo con lo spazio in cui sono inserite e con i desideri delle persone che le vivono.

“Il look grintoso e contemporaneo caratterizza le cucine firmate Snaidero che, da oltre 70 anni, è protagonista di un Made in Italy che affonda le sue radici nell’artigianalità e nella passione tutta italiana per il design. Vogliamo sostenere il brand e il prodotto Snaidero con una campagna di comunicazione innovativa e di grande impatto per tutte le persone amanti del bello e in grado di apprezzare le differenze nei dettagli e nello stile delle nostre cucine. – dichiara Massimo Manelli, Amministratore Delegato del Gruppo Snaidero. – La cucina è il luogo dove tutto accade e il claim “The kitchen is the place” sottolinea l’importanza che la cucina ha nella vita di ogni giorno. Attraverso i nuovi strumenti digitali, il sito, il minisito, il catalogo con realtà aumentata, la App Snaidero, i canali social e la collaborazione con personaggi pubblici e influencers che diventano ambasciatori del vivere la cucina, vogliamo intercettare le passioni dei nostri clienti con un prodotto e un servizio sempre più vicino a loro”.

La campagna è stata ideata da Fabrizio Vagliasindi di Eupragma. E’ iniziata il 21 ottobre 2019 e proseguirà fino a Eurocucina 2020 sui canali social di Snaidero in Italia, Francia, Spagna, Svizzera francese e Olanda.

Il concept #TheKitchenIsThePlace vede come protagonisti 8 personaggi pubblici e influencers a cui è stato chiesto che cosa rappresenta per loro la cucina.

“Secondo me la cucina è il cuore pulsante della casa”. Vittorio Brumotti, esuberante e spericolato, campione di bike trial e conduttore TV. Uno sportivo in cucina che, tra un’impresa e un allenamento, ha trovato lo spazio perfetto nel quale prendersi cura di sé.

“Per me la cucina è amore, condivisione e famiglia”. Csaba Dalla Zorza, food writer e conduttrice televisiva. Icona di bon vivre e di raffinatezza, per lei la cucina rispecchia quello che siamo e il mondo in cui viviamo, in una parola, la nostra vita.

“La cucina per me non è solo semplicemente un luogo dove si mangia, la cucina è in verità un luogo dove si vive”. DeeDee, giornalista e blogger parigina, per lei la cucina deve essere un ambiente versatile da vivere a proprio piacimento, con una leggerezza confortevole e autenticamente familiare.

“Per me la cucina è il centro, ma non è soltanto il centro della casa, è il centro del mondo. E’ quel luogo in cui ci sta la famiglia, ci stanno gli amici. Con il cibo di varie culture si rompono le barriere. Per me la cucina è proprio il posto che unisce”. Camilla Filippi, attrice italiana amata da cinema e TV, vive la cucina come il centro del mondo, dove la qualità del tempo è data da una condivisione speciale, perché chi cucina regala un pezzo di sé ad ogni piatto.

“Per me la cucina è tradizione, famiglia, cuore. Quel feeling di serenità, quella sensazione di casa”. Frank Gallucci, style and digital consultant, blogger e #proudtobeitalian. La cucina per lui è l’esaltazione di un’essenza tutta italiana che fa la differenza nell’ambiente, come nel cibo.

“Ogni casa, ogni famiglia ha un’identità diversa e la cucina è il luogo che più di tutti li rappresenta”. Ludovica Sauer, mamma e modella con doppia nazionalità brasiliana e tedesca. In cucina si può godere di un attimo tutto per sé, nella perfezione di un momento. Questo è il lusso della semplicità, racchiuso in una cucina.

“La cucina è un inferno, è la parte più difficile del progetto e bisogna pensare a tutti i minimi particolari”. Diego Thomas, architetto e interior designer, cultore della bellezza in ogni sua forma, per lui la cucina va pensata, studiata, ricercata, tra emozioni e suggestioni all’insegna di un’estetica che non è fine a se stessa, ma che si vive, si respira, si cucina.

“La cucina per me è gioia, amore, condivisione e tanto sacrificio”. Roberto Valbuzzi, cuoco, ristoratore, contadino e volto televisivo. Creatività, talento e personalità si esprimono al meglio in una cucina che rispecchi l’essenza di ognuno, per dare vita al piatto perfetto in ogni occasione.

Le stories e i video dei testimonial, al lavoro in una cucina Snaidero, consentono di costruire la brand awareness del prodotto. Snaidero vuole così trasferire ai suoi clienti i valori distintivi della sua mission: la bellezza, la qualità, il design, l’esclusività, l’unicità e la sostenibilità del prodotto Snaidero e lo vuole fare attraverso un nuovo canale di comunicazione che è più vicino alle persone che scelgono una cucina Snaidero. Nuovi strumenti per facilitare l’esperienza di acquisto negli store Snaidero saranno messi a disposizione dei clienti, attraverso un potenziamento del customer care e dei servizi di assistenza post-vendita per soddisfare le richieste anche più esigenti.

Sui canali social, key visual distintivi dal mood coinvolgente e moderno raccontano le caratteristiche delle cucine Snaidero: proposte d’arredo funzionali e sartoriali, sempre diverse e uniche, in un’evoluzione virtuosa molto attenta alle esigenze delle persone e all’impatto ambientale. Un’armonia in cui innovazione, sostenibilità, dettagli smart e personalizzati creano un ambiente da vivere e da condividere a 360°, frutto di un’azienda che innova e detta nuovi canoni di stile e di design nel panorama internazionale dal 1946.

“La cucina è lo spazio della casa dove si vive. Si usa e si osa. Vogliamo raccontare tante storie, diverse tra loro, come lo sono le persone che ci abitano, utilizzando un linguaggio digitale, assieme a esperienze fisiche emozionali all’interno dei punti vendita. Snaidero fino ad ora ha sempre parlato ai rivenditori per arrivare al cliente finale; oggi vogliamo parlare ad entrambi ma anche direttamente a chi sceglie una cucina Snaidero per arredare la propria casa. Lo vogliamo fare partendo dalla fase di ispirazione sino alla fase dell’utilizzo, parlando di emozioni, di quotidianità, di momenti che ciascuno può ritrovare nell’intimità della propria cucina, attraverso volti noti al pubblico e un modello di comunicazione semplice, interattivo che consente all’utente finale di avvicinarsi al mondo delle cucine Snaidero con un semplice click”, commenta Roberto Lizzi, Direttore Commerciale di Snaidero.

La nuova strategia di comunicazione coinvolgerà anche e in modo particolare i punti vendita Snaidero in Italia, Francia, Spagna, Svizzera francese e Olanda con l’obiettivo di creare una community fidelizzata che sceglie di entrare in uno store Snaidero non solo per la qualità, la solidità e il design delle cucine ma anche per i molteplici servizi offerti. Gli store offrono una vera e propria esperienza di incontro con il mondo Snaidero, attraverso la APP Snaidero che diventa l’elemento chiave nella relazione diretta del marchio con il fruitore finale. In una prima fase, con la APP il cliente può entrare nel nuovo catalogo #ThekitchenIsThePlace che attraverso la realtà aumentata diventerà interattivo. In un secondo momento, saranno sviluppati altri servizi collegati alla APP. Essa si trasformerà in un servizio diretto di Customer Care, offrendo la possibilità di entrare in contatto telefonico con un operatore. Inoltre, la APP fornirà anche un “Manuale interattivo” della cucina acquistata attraverso il quale, inquadrando dei tag nei pensili, sul piano o nei cassetti, il cliente potrà attivare dei video tutorial che gli consentono di conoscere ogni dettaglio di ergonomia nell’utilizzo della propria cucina. Una apposita sezione della APP sarà dedicata alla relazione con i clienti di Snaidero che diventano dei Brand Ambassador del marchio e avranno la possibilità di partecipare ad eventi organizzati negli store Snaidero come corsi di cucina o di table settings, di accedere in anteprima alla presentazione di nuovi prodotti Snaidero, di entrare a far parte della grande famiglia internazionale di Snaidero, ma con solide radici nel territorio friulano di Majano, in provincia di Udine.

Gruppo Rino Snaidero S.p.A.

Il gruppo Snaidero nasce nel 1946 a Majano, in provincia di Udine, e da oltre settant’anni progetta e realizza cucine su misura fondando le sue radici sulla qualità e l’esclusività del design d’autore: una strategia di valore che coniuga innovazione estetica e artigianalità industriale. Da 50 anni Snaidero esporta le sue cucine in tutto il mondo sia attraverso il canale retail, contando su una rete di 550 punti vendita specializzati, sia attraverso il canale contract. Snaidero porta l’eccellenza di un prodotto di design rigorosamente Made in Italy in 86 Paesi del mondo e si posiziona in una fascia distintiva di eccellenza dove ricerca e sperimentazione rappresentano fattori di successo, insieme alla grande attenzione per la sostenibilità ambientale. Il Gruppo Snaidero è controllato da DeA Capital Alternative Funds, attraverso il fondo IDeA Corporate Credit Recovery II che ne ha acquisito la maggioranza nel luglio 2018.

Questa voce è stata pubblicata il 12 novembre 2019, in Uncategorized.