Per la stand up comedy all’ARENA MILANO EST,  il 23 luglio tocca a Sparacino con EGOISTAGRAM.

Al nuovo polo multiculturale targato Teatro Martinitt, questo giovedì risuona un’altra voce fuori dal coro. Pietro Sparacino, figura chiave del collettivo Satiriasi ai suoi esordi, reduce da altri successi, si esibisce con un nuovo monologo graffiante, dai chiari riferimenti alla società odierna e alla solitudine e all’egocentrismo malcelati dietro i social.

Al nuovo polo multiculturale targato Teatro Martinitt, questo giovedì risuona un’altra voce fuori dal coro. Pietro Sparacino, figura chiave del collettivo Satiriasi ai suoi esordi, reduce da altri successi, si esibisce con un nuovo monologo graffiante, dai chiari riferimenti alla società odierna e alla solitudine e all’egocentrismo malcelati dietro i social.

Stand up comedian di successo, autore (tra gli altri per Le Iene, Scherzi a parte, Enrico Brignano e altri comici di fama) e attore, il poliedrico Pietro Sparacino sta per calcare il palco sotto le stelle della nuova ARENA MILANO EST, targata Teatro Martinitt. Celebre tra gli amanti del genere per i suoi monologhi dalla comicità pungente in stile anglosassone, dopo il grande successo di DIODEGRADABILE-Il potere logora chi ce l’ha, il 23 luglio proporrà il suo ultimo grido di protesta: EGOISTAGRAM-Sono d’accordo con me. Nell’epoca in cui sarebbe semplicissimo condividere idee, esperienze, emozioni e stati d’animo e ci si potrebbe mettere in contatto con persone di tutto il mondo con un click, in realtà ci ritroviamo sempre più soli, arroccati nel nostro IO.

“Perché io di qua, io di là, perché io ne so più di te, perché io ho ragione, perché io mangio bene, perché io ho un amico che me l’ha detto, perché io ho l’idea giusta, perché io so quello che va fatto, perché io so qual è il vero Dio, perché io l’ho letto su internet, perché io l’ho sentito in televisione, perché io solo un illuminato, perché io sono migliore di voi…” questo, in parole povere e soprattutto moderate, lo spirito dello spettacolo. Il cui linguaggio non sarà però povero, né tanto meno moderato.

ATTENZIONE: Vista la crudezza del linguaggio, lo spettacolo è riservato a un pubblico adulto (maggiori di 18 anni).

 

L’ARENA MILANO EST in pillole (e in sicurezza)

2500 metri quadrati a disposizione

1 palco esterno da 110 metri quadrati

1 palco interno da 85 metri quadrati

800 posti a sedere (ridotti a 400 per norme anti-Covid)

1 schermo esterno 14x6m

1 sala interna da 430 posti (ridotti a 180 per norme anti-Covid), in caso di pioggia

6 toilette a uso esclusivo