Archivio | 14 febbraio 2020

Festival Verdi 2020

Il Festival Verdi 2020 inaugura il 24 settembre con I Lombardi alla prima Crociata (repliche 3, 8, 17 ottobre 2020) al Teatro Regio di Parma, che ospiterà anche Ernani, eseguito in forma di concerto, il 27 settembre e il 1 ottobre 2020.
Al Teatro Giuseppe Verdi di Busseto andrà in scena Rigoletto il 25 settembre (repliche il 2, 4, 10, 16, 18 ottobre 2020).

Per il secondo anno il Festival Verdi porterà l’opera nel meraviglioso spazio monumentale della chiesa di San Francesco del Prato che, restituita alla città, ospiterà la nuova produzione di Macbeth, nella versione francese, il 26 settembre (repliche 4, 9, 16 ottobre 2020).

Il programma completo del Festival Verdi 2020 sarà annunciato il 6 febbraio 2020.

Sin da ora, singoli spettatori e gruppi organizzati potranno prenotare i biglietti presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma (tel. 0521 203999 – biglietteria@teatreoregioparma.it; groups@teatroregioparma.it).

Ai titoli della XX edizione del Festival sarà dedicato il terzo numero del FVJournal, il magazine dedicato al Festival Verdi, a cura di Alessandro Roccatagliati; uno strumento, in due distinte edizioni in italiano e inglese, che consente al pubblico di prepararsi con largo anticipo alle settimane festivaliere d’autunno, offrendo elementi di conoscenza nuovi che affiancano e completano quelli contenuti nei programmi di sala e agli estimatori di Verdi di approfondire i diversi e numerosi aspetti legati alla sua opera.

PROGRAMMA UFFICIALE DEL FESTIVAL VERDI 2020
24 SETTEMBRE – 18 OTTOBRE 2020 

I LOMBARDI ALLA PRIMA CROCIATA
24 settembre, 3, 8, 17 ottobre 2020
Teatro Regio di Parma

RIGOLETTO
25 settembre, 2, 4, 10, 16, 18 ottobre 2020
Teatro Verdi di Busseto

MACBETH – versione in francese
26 settembre, 1, 7, 16 ottobre 2020
Chiesa di San Francesco del Prato

ERNANI – in forma di concerto
4, 9 ottobre 2020
Teatro Regio di Parma

VALERIJ GERGIEV
2 ottobre 2020
Teatro Regio di Parma

MESSA DA REQUIEM con Roberto Abbado
11, 15 ottobre 2020
Teatro Regio di Parma

GALA VERDIANO con Luca Salsi
10 ottobre 2020
Teatro Regio di Parma

FUOCO DI GIOIA
14 ottobre 2020
Teatro Regio di Parma

MEZZOGIORNO IN MUSICA
3, 4, 10, 11, 17, 18 ottobre 2020
Palazzo Ducale

Questa voce è stata pubblicata il 14 febbraio 2020, in Uncategorized.

ARENA DI VERONA 98° OPERA FESTIVAL 2020

L’Arena di Verona Opera Festival per l’edizione 2020 il Festival Lirico sfida se stesso alzando ancora il valore artistico, la varietà, la creatività e la fama partendo proprio dalle voci, cuore pulsante di ogni produzione e di ogni serata, per dare ad ogni singola serata il sapore di una première. La straordinaria macchina produttiva di Fondazione Arena si è messa in moto ed il cast rispecchia il principio fondante di una stagione che, non avendo abbonati, deve quindi necessariamente considerare ogni singola recita come un evento unico, garantendo al proprio pubblico le migliori voci dalla prima all’ultima serata, senza distinzione alcuna, con direttori di consolidata esperienza e allestimenti di grande impatto visivo, alternando la grande tradizione storica areniana ad innovazioni sapientemente calibrate, prima fra tutte quest’anno, la regia del pluripremiato regista internazionale Gabriele Muccino al suo debutto nel teatro d’opera con Cavalleria rusticana e Pagliacci, quindi il debutto sul podio areniano del trentenne venezuelano Diego Matheuz, già affermato a livello mondiale. Oltre a questo esordio, tornano grandi direttori d’orchestra apprezzati nelle precedenti edizioni del Festival, forti dell’esperienza instaurata con i complessi areniani: Daniel Oren, che più di ogni altro ha creato una straordinaria empatia con l’Arena tanto da confermarsi anche per la stagione 2020 Direttore Musicale del Festival, Francesco Ivan Ciampa, maestro dalla carriera in continua ascesa, e ancora Plácido Domingo, eccezionalmente per una sera sul podio per Aida, Jordi Bernàcer, Marco Armiliato, Ezio Bosso e il veroneseAndrea Battistoni.Ma sono le voci il cuore pulsante del teatro d’opera, voci in grado di convincere per la loro consolidata presenza nei più prestigiosi teatri, voci in grado di creare un dialogo intimo e toccante con ciascuno spettatore. Dunque l’imperdibile recita di Cavalleria e Pagliaccidell’8 agosto con la coppia d’arte e di vita formata dal tenore Roberto Alagna e dal soprano Aleksandra Kurzak, per la prima volta protagonista di entrambi i ruoli femminili del dittico, cosa di per sé rarissima.

Questa voce è stata pubblicata il 14 febbraio 2020, in Uncategorized.

COSMOPROF 2020

La prossima edizione di Cosmoprof Worldwide Bologna ci porterà in viaggio attraverso i prossimi 10 anni, mostrandoci i trend, le innovazioni tecnologiche e le nuove regole che guideranno il mercato della bellezza da oggi fino al 2030.
Per dare visibilità e condividere le proiezioni e i trend del futuro del settore, Cosmoprof presenta 5 nuove aree speciali, 5 garden dove vedere, toccare con mano e scoprire in anteprima le novità beauty dei prossimi anni.

GARDEN OF INNOVATION Il Centro Servizi, cuore della manifestazione, ospiterà Garden of Innovation, un viaggio attraverso i prossimi 10 anni e i trend, le innovazioni tecnologiche e le nuove regole che guideranno il mercato della bellezza da oggi fino al 2030. EDUCATIONAL con partner internazionali, le aziende finaliste di COSMOPROF AWARDS, un’area espositiva dedicata alle BEAUTYTECH company e tre installazioni ideate da BEAUTYSTREAMS, saranno i protagonisti di questo giardino dedicato all’innovazione.

GARDEN OF COLORS AND MATERIALS

Tra i padiglioni 15 e 20, all’interno di Cosmopack, troverà spazio una preview dei colori e dei materiali dei prodotti cosmetici che vedremo e utilizzeremo nel 2030. Per il secondo anno consecutivo, grazie ad una visione multi-settoriale e allo studio degli sviluppi già in atto nell’industria cosmetica, gli operatori potranno accedere in anteprima alle nuance che caratterizzeranno l’industria del colore e ai materiali che maggiormente influenzeranno le aziende specializzate in packaging.

GARDEN OF DIVERSITY

Un garden suddiviso in tre aree, curato in collaborazione con centdegrés, animerà un percorso espositivo che toccherà tutti i saloni della manifestazione. Le tre aree ospiteranno l’evoluzione di CosmoFactory, l’iniziativa nata all’interno di Cosmopack, il salone dedicato alla filiera produttiva, trasformandola in un vero laboratorio sperimentale dove scoprire tutte le fasi della vita di un prodotto beauty: dalla produzione alla vendita, fino all’utilizzo da parte dei professionisti della bellezza.

GARDEN OF FRAGRANCES

Grazie alla collaborazione con – NEZ – The Olfactory Movement, l’osservatorio delle tendenze e delle trasformazioni della profumeria – Cosmoprof presenta una visionaria interpretazione su quello che sarà il mondo dell’alta profumeria nel 2030: materie prime, ispirazioni e nuovi modelli di mercato. Nez, con la collaborazione di Symrise e Zignago Vetro, ha immaginato un percorso olfattivo, una narrazione che svelerà ai visitatori le fragranze che avremo nel 2030 e il modo corretto di gestire il comparto.

GARDEN OF TRENDS

Quinto appuntamento con i COSMOTRENDS, il progetto che svela le tendenze del mercato attraverso i prodotti lancio delle aziende espositrici di Cosmoprof. L’iniziativa fornirà a operatori, trend scouter, opinion leader e R&D manager gli strumenti per valutare la strategia più adatta per lo sviluppo del proprio business, in linea con i trend che guideranno il comportamento dei consumatori nel prossimo futuro. Dopo la manifestazione, sarà diffuso un report completo delle tendenze emerse nel corso della manifestazione.

Questa voce è stata pubblicata il 14 febbraio 2020, in Uncategorized.

La Società Agricola Trevi presenta il primo aceto che nasce dal vino rosso Umbria I.G.T.

Risultato immagini per La Società Agricola Trevi presenta il primo aceto che nasce dal vino rosso Umbria I.G.T.L’Aceto Flaminio da Vino Rosso Umbria I.G.T. è un aceto di qualità che nasce da un vino di prima qualità e non dallo scarto di altre lavorazioni o diluito. I vitigni sono Merlot e Sagrantino.

Per rispettare al massimo le qualità organolettiche della materia prima e i profumi e gli aromi originali che, attraverso l’ossidazione evolvono e si arricchiscono, la Società Agricola Trevi, lo ha prodotto senza forzature meccaniche e senza forzature di temperatura (che non supera mai 22-24°C).

Gli acetobatteri sono quelli naturalmente presenti nell’ambiente, ogni lotto di aceto ha quindi una sua caratteristica ben precisa. Per questo le bottiglie sono numerate, con indicazione dell’anno di produzione e acetificazione in etichetta.

Gli acetobatteri, con il metodo “statico superficiale” lavorano solo in una piccola parte del prodotto rispetto al volume totale (la parte a contatto con l’aria), quindi il processo di acetificazione di tutta la massa è lentissimo (almeno 9 mesi – 1 anno), da qui la caratteristica della “lunga maturazione”.

Tutto il potenziale alcolico del vino viene trasformato in acido acetico ed è proprio questa la caratteristica che rende questo aceto forte e vigoroso, con un’acidità importante superiore al 7,75%, che rende la resa del prodotto ottima, ne basta davvero poco!

Conservato in botti di rovere viene confezionato in bottiglie numerate da 250 ml.

Abbinamenti consigliati

A crudo su verdure crude e cotte; con Olio Flaminio Delicato, in una vinaigrette per pesce; addolcito con miele e/o agrumi per le ostriche; per marinare verdure, carne e anche frutta; spruzzato su carne grassa (maiale in primis) e per preparazioni a base di uova.

PREZZO CONSIGLIATO AL PUBBLICO

€ 8,50

Questa voce è stata pubblicata il 14 febbraio 2020, in Uncategorized.